Offerte viaggi Addis Abeba Etiopia, dicembre 2016 - Etiopia: il Natale Coptoa partire da € 2630,00

Proposta: 4188-87284 Operatore:
Etiopia: il Natale Copto
Località: Addis Abeba (Etiopia)
Tipologia: Capitali e città d'arte - Religiosità
Adatto per: Tutti
Durata: 12 notti
Validità dal: 08 novembre 2016al: 26 dicembre 2016
Partenze da: Milano - Roma
Offerta: Volo + soggiorno
Struttura: Hotel (4*) Trattamento: Mezza pensione
Prezzo a partire da
€ 2630,00
a persona

Richiedi un preventivo personalizzato

15gg/12notti

partenza il 26 dicembre

volo a/r, trasferimenti, tour, guida in italiano

quota a persona a partire da €. 2630,00

  • gallery gallery
  • gallery gallery
  • gallery gallery
  • gallery gallery
  • gallery gallery

Per maggiori informazioni contattare:

Ivano Gelio

Consulente "Racconti di Viaggio"

Cellulare: 3341454433 

 

Tour di gruppo con partenza a data fissa il 26 dicembre

Viaggio culturale nel nord Etiopia con partecipazione al Genna, il Natale Copto di Lalibela.

 

Introduzione : Questo viaggio vi darà la possibilità di assistere al Genna, una delle più importanti festività religiose dell’Etiopia. E' il Natale Copto Etiope, che si celebra a Lalibela e richiama ogni anno migliaia di credenti in pellegrinaggio da tutto il Paese. La notte della vigilia fedeli e sacerdoti vegliano pregando e cantando alla luce di centinaia di fiaccole. All’alba si festeggia la nascita di Cristo con canti e danze al suono dei keburo. L’Etiopia, rimasta isolata dal mondo dall’inizio del medioevo, divenne rifugio di numerosi monaci e mistici, che tra inaccessibili montagne hanno dato vita a una delle più antiche nazioni cristiane del mondo.  Lalibela con le sue 11 chiese scolpite nel tufo rosa della montagna, ne è la testimonianza più significativa ed emozionante.

 

Programma tour:

1° giorno, 26 dicembre : Italia – Volo

Partenza dall’Italia con volo di linea. Pernottamento a bordo.

 

 2° giorno, 27 dicembre : Addis Abeba – Visita della città

Arrivo in mattinata presso l’aeroporto internazionale di Addis Abeba. Dopo il disbrigo delle formalità doganali incontro accoglienza e trasferimento in città. Si andrà subito alla scoperta della capitale dell’Etiopia, una città giovane, in rapida trasformazione, situata a 2500 metri di altitudine. Fondata nel 1886 da Menelik II su ispirazione della regina Taytu, la quale decise anche il suo nome: ‘Il nuovo fiore’. Addis Abeba pose così fine alle ‘capitali itineranti’ del più antico stato a sud del Sahara. Visita ad Ndà Selassiè, la Chiesa della Santissima Trinità, dove si trova la tomba di Hailé Selassiè, l’ultimo negus dell’Etiopia, e al mausoleo di Menelik. Si proseguirà con il museo Etnografico, all’interno del campus universitario, e salita fino alle alture di Entoto, la montagna che sovrasta la conca di Addis Abeba. L’ultima visita è riservata al museo Nazionale, che conserva i resti fossili di Lucy, antica progenitrice ominide vissuta 3.5 milioni di anni fa. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : Cena

 

3° giorno, 28 dicembre : Addis Abeba – Debre Libanos - Debre Markos (300 km, 6 ore)

Dopo la prima colazione partenza per Debre Markos. Il viaggio si svolge tra splendide vedute sugli altopiani etiopi, con scorci spettacolari come quelli che si godono dal vecchio ponte italiano sul Nilo, e quelle della Jemma Gorge, con avvistamento di babbuini Gelada. Lungo la strada sosta per la visita del monastero di Debre Libanos, uno dei più antichi e importanti monasteri in Etiopia. La struttura è stata rifatta ma l’atmosfera dei pellegrini che vengono qui per bagnarsi e bere l’acqua benedetta è suggestiva. Arrivo a Debre Markos nel tardo pomeriggio. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

4° giorno, 29 dicembre : Debre Markos - Cascate del Nilo Azzurro - Bahir Dar (265 km, 4 ore)

Dopo la colazione proseguimento verso nord attraversando i campi coltivati della regione del Gojjam abitati dall’etnia Amara. Questa regione è famosa per la produzione di Teff, un cereale endemico degli altopiani d’Etiopia che serve per preparare l’injera, piatto tipico del paese. Arrivo a Bahir Dar all’ora di pranzo. Nel pomeriggio partenza per visitare le cascate del Nilo Azzurro. Al momento, la costruzione della diga ha reso meno rigogliosa e possente la caduta delle acque, ma rimane interessante la passeggiata nell’ambiente naturalistico attraverso cui si raggiungono le cascate. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

5° giorno, 30 dicembre : Bahir Dar – Navigazione del Lago Tana

Colazione in hotel. Bahir Dar, ossia “la porta del mare”, è una piacevole cittadina sulle sponde del lago Tana dove si trova la sorgente del Nilo Azzurro. La mattinata è dedicata alla navigazione sul Lago Tana, un luogo ricco di chiese e monasteri di grande interesse storico, e dalle caratteristiche isole ricoperte da una bella vegetazione tropicale e piantagioni di caffè. Il lago infatti è disseminato da 37 isolette sulle quali si trovano chiese e monasteri, riconosciuti come Patrimonio dell’UNESCO, che con i loro sacerdoti armati di croci permettono un salto indietro nel tempo. Nella penisola di Zeghiè, dove abbondano le piantagioni di caffé, si visita la chiesa di Beta Maryam; e alla fine la grande Ura Khidane Meret, il cui splendido santuario è decorato con affreschi che rappresentano un compendio dell'iconografia religiosa etiope. Pomeriggio, visita del mercato e poi passeggiata e relax lungo il lago. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

6° giorno, 31 dicembre : Bahir Dar – Gondar, la città dei Castelli (185 km, 3.30 ore)

Colazione in hotel. In mattinata trasferimento a Gondar considerata la Camelot d’Africa, la giornata sarà dedicata alla visita della ‘città dei castelli. Si visiterà il Recinto Imperiale, con i suoi castelli reali e le alte mura , dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO,  in particolare il Palazzo di Fasiladas, il castello più antico e spettacolare che si eleva per 32 metri e ha un parapetto merlato e quattro torrette a cupola. Il palazzo viene attribuito ad un architetto indiano e rappresenta un’insolita sintesi di influenze indiane, portoghesi, moresche e aksumite. Si proseguiranno le visite con la Chiesa di Debre Berhan Selassie, situata sulla sommità di una collina e circondata da mura fortificate. Piena di tutto il colore, la vita, la vivacità e l’umanità dell’arte etiopica, le decorazioni di questo edificio forniscono un compendio dell’iconografia e della cultura locali. L’ultima visita è ai Bagni di re Fasilidas, un affascinante, piccolo palazzo costruito in mezzo ad una piscina (tenuta vuota per tutto l’anno e riempita solo per la festa di Timkat, Epifania etiope) sul cui perimetro si innalzano alberi plurisecolari. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

7° giorno, 1 gennaio : Gondar - Parco Nazionale dei Monti Simien - Debark (194 km, 5 ore)

Dopo la colazione partenza per Debark, da cui si accede al Parco Nazionale dei Monti Simien. Un territorio spettacolare caratterizzato da un susseguirsi di guglie, picchi, gole e crepacci, montagne a corno e a becco d’aquila, sui picchi e sugli altopiani che si stendono tra i 3.000 e i 4.000 metri. Questo paesaggio è costellato da una vegetazione “Afro–Alpina” con molte varietà di avi-fauna e piante endemiche. Ad esempio gli stambecchi Nyala, rimasti isolati dall’epoca dell’ultima glaciazione, il babbuino Gelada, dal folto pelo e dalla dieta unicamente erbivora, il Lupo del Simien, probabilmente il progenitore di tutti i cani africani. Svolte le procedure di accesso al parco, si raggiungera’ Sankaber, dove, con una breve passeggiata e’ possibile avvistare i babbuini Gelada. Proseguimento per Chenek, dove si possono ammirare le drammatiche vette di Imet Gogo, Bwai e con un po’ di fortuna avvistare i Nyala. Ritorno a Debark nel tardo pomeriggio. Cena e pernottamento in hotel.

Pasti : colazione,cena

 

8° giorno, 2 gennaio : Debark - Axum (280 km, 8 ore)

Colazione. Si parte al mattino presto, percorrendo una delle strade più spettacolari del paese, tracciata in tempo record dagli italiani durante la guerra di occupazione nel 1936, con grandi panorami sulla valle dello Shirè e i monti Simien. E' un susseguirsi di ripide discese e vertiginose salite fino al ponte di ferro sul fiume Tacazzè, da cui si potranno ammirare gli  alberi dell'incenso. Arrivo ad Axum e trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

9° giorno, 3 gennaio : Axum - Gheralta e la Regione del Tigrai – Hawzien/Adigrat (114 km, 3,30 ore)

Colazione. La mattinata sara’ dedicata alla visita della città di Axum, con il Parco delle Steli e la chiesa di Nostra Signora Maria di Sion. La città, che secondo le leggende narrate nel Kebre Nagast (il Libro dei Re) nel X secolo a.C. era il luogo di residenza della mitica regina di Saba, e’ anche il sito in cui il figlio della regina e di re Salomone portò l'Arca dell'Alleanza, che ancora oggi viene custodita in un santuario. Axum fu la capitale del lungo regno axumita, uno dei più antichi regni africani e rappresentò un crocevia fondamentale fra Asia e Africa per quasi mille anni. Nell’area archeologica si visiterà il parco delle steli, monoliti di granito di epoca pre-cristiana decorate con incisioni simboliche, la necropoli di Keleb, dove si trovano le tombe gemelle del re Keleb e di suo figlio, finemente decorate ed il museo, che conserva una raccolta di iscrizioni in lingua sabea e ge’ez, alcune risalenti a 2500 anni fa. Successivamente la visita alla Chiesa di Nostra Signora Maria di Sion (accesso riservato agli uomini), splendido esempio di architettura tradizionale ricostruita e ampliata dall’imperatore Fasiladas nel corso del XVII secolo, all’interno della quale si trovano interessanti affreschi e la cappella dove viene gelosamente custodita la famosa Arca dell’Alleanza, dove non e’ consentito l’accesso. Nel 1950 l'imperatore Haile Selassie ha costruito una nuova cattedrale moderna, aperta sia agli uomini che alle donne, vicino alla vecchia Cattedrale di Nostra Signora Maria di Sion. Infine il Bagno della Regina Saba: un’ampia vasca, a quanto sembra, non utilizzata per fare il bagno ma solamente come risorsa idrica. Nel pomeriggio trasferimento a Gheralta. Lungo la strada e’ prevista una sosta per la visita del Tempio di Yeha, uno dei pochi resti pre cristiani della civiltà axumita. Questo sito, costruito da una popolazione di Sabei in epoca pre cristiana e successivamente utilizzato come basilica, ha diverse similitudini con le costruzioni di Marib nello Yemen. Al termine trasferimento al lodge, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

10° giorno, 4 gennaio : Gheralta - Makalle (146 km, 2 ore)

Colazione. Con le sue chiese, tra le più antiche d'Etiopia, il Tigrai e’ una vera e propria scoperta: in questa regione infatti,  tra l’ VIII e il XV secolo, furono scolpite, incise e costruite nella roccia centinaia di chiese rupestri, molte delle quali sono state realizzate nelle pareti scoscese delle ambe. E’ prevista la visita di 3 chiese, la scelta delle chiese puo’ essere effettuata al momento in accordo con la guida, che potra’ suggerire i percorsi migliori in base al tempo a disposizione e la disponibilita’ a camminare del gruppo. Pomeriggio trasferimento a Makalle.

Pasti : colazione,cena

 

11° giorno, 5 gennaio : Makalle - Lalibela (360 km, 8 ore)

Colazione. Partenza di prima mattina per Lalibela. Lungo la strada sosta alla chiesa di Meskal Cristos. Belli i panorami dell’Abuna Josef e la valle del Tembien. Arrivo a Lalibela nel tardo pomeriggio, trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

12° giorno, 6 gennaio : Lalibela, le Chiese Rupestri e il Natale Copto

Colazione. In mattinata è prevista la visita delle chiese rupestri di Lalibela. Il grande spettacolo della città santa. Undici chiese rupestri, straordinarie opere monolitiche tagliate nella roccia e collegate da un dedalo di gallerie costruite durante il regno del re di Lalibela e degli altri sovrani della dinastia Zagwe, nel XII secolo Lalibela è la Gerusalemme d’Africa, luogo di pellegrinaggi infiniti, centro della fede del mondo ortodosso africano: chi ha costruito Lalibela voleva davvero riprodurre i luoghi più santi del cristianesimo. La possente chiesa di Medhane Alem, la piccola e venerata Beta Maryam, le cappelle rupestri Beta Dangal e Maskal costituiscono, assieme alle chiese gemelle Beta Mikael e Beta Golgotha ed all'inaccessibile Cappella della Trinità, il complesso del gruppo settentrionale. Il letto di un torrente, scavato nella roccia e ribattezzato Fiume Giordano, separa queste chiese dal gruppo meridionale: la basilica di Beta Gabriel e Rafael, Beta Mercurios, la minuscola cappella Beta Lehem, la monolitica Beta Emanuel, di stile axumita, ed il santuario ipogeo Beta Abba Libanos. Poco distante, isolata, sta la chiesa più bella: Beta Giorgis, la più fotografata. Al termine delle visite rientro in hotel per la cena. In serata si potra’ assistere alle prime processioni per la festa di Genna, il Natale Copto Etiope. Celebrazioni durante la notte. Non c’è posto più suggestivo in Etiopia per festeggiare il Genna. La notte della vigilia fedeli e sacerdoti vegliano pregando e cantando alla luce di centinaia di fiaccole. All’alba si festeggia la nascita di Cristo con canti e danze al suono dei keburo. Pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

13° giorno, 7 gennaio : Lalibela, il Natale Copto

Colazione. Giornata di conclusione del Natale Copto, di prima mattina si assisterà alle celebrazione del Natale. Successivamente partenza per la visita di una chiesa rupestre situata nei dintorni della città di Lalibela. Pranzo libero. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Pasti : colazione,cena

 

14° giorno, 8 gennaio : Lalibela – Volo - Addis Abeba – Volo

Colazione in hotel. In mattinata trasferimento in aeroporto e imbarco sul volo in partenza per Addis Abeba ed arrivo in tarda mattinata. Il resto della giornata tempo libero ad Addis Abeba. In serata trasferimento in ristorante dove è prevista una cena tradizionale con balli e musica dal vivo. Al termine della cena trasferimento in aeroporto e imbarco sul volo in partenza per l’Italia.

Pasti : colazione,cena

 

15° giorno, 9 gennaio : Italia

Arrivo in Italia

 

La quota comprende:

- Volo di linea in classe economica

- 20 Kg. di franchigia bagaglio volo internazionale

- Volo interno Lalibela – Addis Abeba

- Sistemazione in hotel in camera doppia

- Pasti come indicato nel programma

- 1 cena in un ristorante tradizionale ad Addis Abeba

- Tutti i trasferimenti in auto/minivan a seconda del numero dei partecipanti

- Ingressi a musei e chiese indicati nel programma

- Guida parlante italiano o inglese a seconda della disponibilità

 

La quota non include:

- Tasse aeroportuali voli internazionali, circa 220 euro (tariffa da confermareall'emissione del biglietto)

- Spese di ottenimento Visto Etiopia, 50 USD circa 48 Euro (da pagare in loco)

- Eventuali tasse aeroportuali, di sicurezza e tasse doganali terrestri pagabili solamente in loco

- Mance per guida e autista

- Bevande

- Facchinaggio

- Extra personali

- Quota gestione pratica (include assicurazione medico bagaglio annullamento)

- Quanto non indicato alla voce "la quota include"

 

Supplemento camera singola su richiesta

Mete più cliccate
Condizioni d'uso del sito*

Dichiaro di aver letto e di accettare le condizioni generali di utilizzo del servizio.

Richiesta di consenso al trattamento dati*

Dichiaro di aver letto l'Informativa e sono consapevole che il trattamento dei dati è necessario per ottenere il servizio del sito e dichiaro di essere maggiorenne.

Vi autorizzo al trattamento dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di Edizioni Master S.p.A.

Acconsento

Non acconsento

Vi autorizzo alla comunicazione dei miei dati per ricevere informazioni promozionali mediante posta, telefono, posta elettronica, sms, mms, effettuare analisi statistiche, sondaggi d'opinione da parte di aziende terze.

Acconsento

Non acconsento